Dalle volte in cui si sottovalutano i vantaggi
che una trasformazione digitale può portare
a quelle in cui non si danno le giuste
priorità nei processi.

numero 1
Il website non è uno strumento
adatto a portare contatti.

Se voi non ne ricevete, questo non significa che in altre aziende non succeda.
Il web ormai è una parte integrante di qualsiasi business.
In fondo, per prenotare un aereo andate forse ancora in agenzia viaggi?

numero 2
La nostra è una nicchia di mercato,
internet per noi non fa la differenza.

La grandezza del vostro mercato non conta.
Lì fuori è pieno di casi in cui aziende che hanno comunque messo il web a disposizione del loro business, a prescindere dalla sua stretta settorializzazione.
Pensate al caso Amazon: è diventata il colosso che è proprio iniziando a vendere libri di nicchia, introvabili in ogni altra libreria.

numero 3
I nostri clienti non sono giovani e
non appartengono al mondo di internet.

Provate ad aprire il report Analytics del vostro sito.
Vedrete quante persone entrano in contatto col vostro brand, che età anno e quali dispositivi usano. E magari realizzerete che, solo perché non avete ancora ricevuto una richiesta dal sito, non vuol dire che nessuno lo stia visitando.

numero 4
Il marketing non ci è mai servito:
ci conoscono perché sono tanti anni
che facciamo, bene, il nostro lavoro.

Fin quando non sarete rimpiazzati dai competitor asiatici e americani, che vi costringeranno ad abbassare i prezzi perché “ormai le persone comprano solo online”. Fatevi furbi, non aspettate che sia troppo tardi.

numero 5
Ai nostri clienti piace avere un contatto diretto,
senza intermediazioni tecnologiche.

Il contatto umano può essere spesso apprezzato ma, rispetto alle comodità fornite dagli strumenti online, non è detto che sia il mezzo più adatto ad ogni occasione.
A nessuno piace fare la coda in posta quando può essere evitata, no?

numero 6
Per la nostra comunicazione
vorremmo qualcosa più “alla Apple”.

Anche noi vorremmo più clienti come Apple.
Tuttavia prima di desiderare un brand modellato su quello di un altro, chiedetevi se siete sicuri che il vostro si comporti come tale.

numero 7
Vogliamo mettere online il nostro sito
assolutamente per quella data.

Prima di darsi delle scadenze affrettate, domandatevi: il website è un fine o un mezzo?
Perché se è un fine allora la vostra azienda è il mezzo.
Ricordate che il suo compito è quello di comunicare al meglio l’azienda, anche a scapito dei tempi. Evitate decisioni fini a sé stesse e controproducenti.

A chi non è capitato di sentire queste frasi, lavorando nel business online? Quali sono le vostre migliori risposte per uscire da queste posizioni? E le più imbarazzanti alle quali vi siete trovati a far fronte?

Sergio Ruggieri

Author Sergio Ruggieri

Aiuto le aziende a sviluppare il loro brand, prevalentemente in ambito digitale, attraverso lo sviluppo di strategia, comunicazione e contenuti.

More posts by Sergio Ruggieri