La grandezza del logo non ne determina necessariamente l’impatto: ci sono modi migliori per rimanere nella mente del consumatore rispetto a urlare il tuo nome.

Una tentazione sempre comune.

Negli anni, il cliché del cliente che richiede di ingrandire il proprio logo sui diversi canali di comunicazione è stato punzecchiato nei modi più svariati. Tuttavia, il desiderio di dare al marchio più spazio del necessario continua a venire assecondato in molti brand, specialmente a quelli che si apprestano ad affacciarsi sul mercato.

Il video “Make my logo bigger cream”, attuale anche a quasi 10 anni di distanza.

Un brand è molto più di un logo.

L’impatto e la consistenza della tua comunicazione può essere determinato da molti più elementi che il semplice spazio destinato al logo. La maggior parte delle volte, più questo sarà grande, più risulterà invadente.

Di certo ci sono cose più importanti da trasmettere a proposito del tuo business: lascia che il marchio sia una semplice firma sussurrata e inserita con gusto.

Chiediti il perché.

La prossima volta che senti la necessità di ingigantire il tuo logo, interrogati su quale sia la vera motivazione che ti spinge a farlo. Se è semplice ego, la scelta si tradurrà molto probabilmente in un autogol.

La dimensione del logo deve trovare il suo equilibrio: trovi problematico trovare quella giusta? In passato hai già ceduto alla tentazione di ingrandirla più del necessario? Scrivi nei commenti la tua esperienza.

Sergio Ruggieri

Author Sergio Ruggieri

Aiuto le aziende a sviluppare il loro brand, prevalentemente in ambito digitale, attraverso lo sviluppo di strategia, comunicazione e contenuti.

More posts by Sergio Ruggieri